Vasto, l’A.A.A. – Aviatori d’Italia forma gli ingegneri aerospaziali di oggi e domani

Sin dalla sua rifondazione, la sezione di Vasto dell’Associazione Arma Aeronautica – Aviatori d’Italia ha mostrato grande attenzione per il mondo della scuola, in un connubio che ha contribuito al portare avanti un’importante missione del Sodalizio, quella di far conoscere il mondo dell’aviazione e dell’Aeronautica Militare, in questo caso specifico mediante iniziative e viaggi di aggiornamento culturale, che han dato a molti giovani vastesi uno stimolo per proseguire i loro studi.


Il 5 gennaio, presso la nuova sede dell’A.A.A. Vasto (inaugurata il 10 dicembre scorso nel “Centro Carlo Azeglio Ciampi” di Corso Palizzi, al centro della città, in occasione dei festeggiamenti della Madonna di Loreto con il 32° Stormo), l’Associazione ha voluto offrire un riconoscimento ad un giovane neo-ingegnere, Antonio Lattanzio. Appena laureatosi alla triennale di Ingegneria Aerospaziale presso il Policlinico di Torino, Lattanzio aveva partecipato, durante gli ultimi anni delle scuole superiori a Vasto, ad importanti visite di aggiornamento culturale organizzate dall’A.A.A. Vasto presso il 61° Stormo a Galatina, alla Divisione Velivoli di Leonardo a Venegono, nonché al Museo Storico dell’Aeronautica a Vigna di Valle ed a Volandia – ex Officine Aeronautiche Caproni a Somma Lombardo. Una formazione che ha sicuramente contribuito nella scelta del percorso universitario dell’ora dottore in Ingegneria Aerospaziale, che dopo il conseguimento della laurea ha ricevuto un ulteriore dono come premio e omaggio: il prezioso volume sui 70 anni di Ricerca e Innovazione del Reparto Sperimentale Volo dell'Aeronautica Militare, consegnatogli dal Presidente della Sezione, Lgt. (r) Ciro Confessore, e dal Segretario A.A.A. Vasto Roberto Bruno.


Accompagnato dalla famiglia, l’Ing. Lattanzio ha brevemente introdotto l'argomento della sua tesi di laurea sviluppata nella materia dei propulsori aeronautici, nello specifico sui motori turbofan, che vengono applicati sia in campo civile che militare, sottolineando poi il singolare fascino degli studi aeronautici e aerospaziali. Avendo sempre come fine primario il poter trasmettere alle generazioni future gli ambiti culturali e professionali del mondo aerospaziale, i soci e rappresentanti dell’A.A.A. – Aviatori d’Italia di Vasto si sono mostrati particolarmente orgogliosi e contenti che un giovane meritevole “di casa loro” abbia ottenuto una tale riconoscenza in questa importante laurea di settore, rivolgendogli le più calorose congratulazioni di sincera stima.



139 visualizzazioni0 commenti