top of page

A.A.A. – Aviatori d’Italia al Fly Future 2023 di Roma con i vertici del D.A.A. e del CESMA

a cura del Team Comunicazione

della Presidenza Nazionale A.A.A. - Aviatori d’Italia


Fly Future 2023 è la seconda edizione dell’unico evento italiano dedicato ai futuri professionisti dell’aviazione e dello spazio e si svolgerà nei prossimi giorni di martedì 23 e mercoledì 24 maggio 2023 (ore 9:30-17:00), presso l'Università Europea di Roma, in via degli Aldobrandeschi, 190 a Roma. L'Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d'Italia è partner di Fly Future 2023.


La manifestazione rappresenta una straordinaria opportunità per le nuove generazioni che intendono conoscere da vicino il mondo dell’aviazione e dello spazio. La sua rilevanza trae origine anche dall’attuale forte necessità del settore aeronautico di impiegare sempre di più nuovi professionisti, come piloti, assistenti di volo, tecnici di manutenzione e personale di terra. Così come per il settore spaziale, che sta crescendo in maniera esponenziale ed offrirà nei prossimi decenni importanti opportunità di lavoro, per progettisti, tecnici e astronauti.


Lo scopo di Fly Future 2023 è dunque fornire un’occasione di orientamento e di informazione per coloro, soprattutto giovani, che intendono lavorare in ambito aerospaziale, avendo la possibilità di incontrare i migliori professionisti del settore, di comprendere i vari percorsi formativi e cogliere future opportunità di lavoro.


Per assicurare un contesto ancora più immersivo per tutti i partecipanti, Fly Future 2023 ha previsto l’allestimento di un’ampia area espositiva con i desk e gli stand di Enti aeronautici, Scuole di volo, Aeroclub, Aziende specializzate e Associazioni, oltre ad alcune mostre a tema aeronautico e spaziale.


Il programma della manifestazione prevede oltre 25 Convegni, Conferenze e Tavole rotonde. Gli appuntamenti si svolgeranno in 5 diverse aule: Auditorium “Giovanni Paolo II”, il pontefice che ha conseguito il record dei voli in aereo e elicottero, Piano -1; Aula Master “Mario Calderara”, il primo pilota italiano nel 1909, Piano +1; Aula Tesi “Rosina Ferrario”, la prima donna pilota italiana nel 1913, Piano +1; Aula 101 “Aristide Faccioli”, il costruttore del primo aereo italiano nel 1909, Piano +1; Aula 102 “Luigi Broglio”, il padre delle attività spaziali italiane, Piano +1.


Il convegno inaugurale di Fly Future 2023, trasmesso anche in diretta streaming Martedì 23 maggio (dalle ore 9:30 alle 11:30) dall’Auditorium “Giovanni Paolo II”, prevede il confronto di importanti Relatori sul tema “Professione Volo. Le opportunità di lavoro nel settore dell’aviazione e del trasporto aereo in Italia” e la Celebrazione del 110° Anniversario del Brevetto di volo di Rosina Ferrario, prima donna pilota in Italia (1913-2023), e del 100° Anniversario della fondazione dell’Aeronautica Militare (1923-2023).

Questi i Relatori che illustreranno gli sbocchi occupazionali offerti oggi ai giovani, in ambito civile e anche militare in Italia: Carmela Tripaldi, direttore Ricerca e Sviluppo Nuove Tecnologie dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC); Giorgio M. Ghezzi, head of People, HR Policies and Organisation di ENAV; Lorenzo Mezzadri, accountable manager della scuola di volo Urbe Aero; Gen. S.A. (r) Maurizio Lodovisi, direttore Dipartimento Attività Aeronautiche dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia; Gaetano Intrieri, amministratore delegato della compagnia aerea Aeroitalia; e Luciano Belviso, amministratore delegato dell’azienda costruttrice di velivoli Blackshape.


La partecipazione del Gen. S.A. (r) Maurizio Lodovisi, Direttore del Dipartimento Attività Aeronautiche dell’Associazione Arma Aeronautica – Aviatori d’Italia è dunque prevista per Martedì 23 maggio alle ore 09:45 presso l’Auditorium “Giovanni Paolo II”, nell’ambito del convegno inaugurale Professione Volo. Le opportunità di lavoro e di carriera nel settore dell’aviazione e del trasporto aereo in Italia”.


La conferenza del Gen. S.A. (a) Giovanni Fantuzzi, direttore del Centro Studi Militari Aeronautici “Giulio Douhet” dell’Associazione Arma Aeronautica – Aviatori d’Italia, dal titolo Volare da Top Gun. Come diventare pilota nell’Aeronautica Militare” è, invece, programmata per Mercoledì 24 maggio alle ore 11:50 presso l’Aula A101 “Aristide Faccioli”.


In occasione di “Fly Future 2023”, sarà emesso un nuovo foglietto erinnofilo dedicato alla commemorazione di due importanti eventi della storia aerospaziale italiana: il 110° anniversario del brevetto di volo di Rosina Ferrario, la prima donna diventata pilota d’aeroplano in Italia nel 1913, e il 40° anniversario del primo volo in orbita nel 1983 dello Spacelab 1, il laboratorio spaziale europeo costruito a Torino dall’allora Aeritalia (oggi Thales Alenia Space). Il foglietto, stampato con una tiratura limitata di 1.000 esemplari, sarà distribuito gratuitamente su richiesta presso la Segreteria organizzativa (un esemplare a visitatore). Nell’area espositiva della manifestazione, sarà anche presente lo stand dell’Associazione Italiana di Aerofilatelia (AIDA), che presenterà alcune interessanti collezioni di francobolli e documenti postali dedicati, tra l’altro, al Centenario dell’Aeronautica Militare (28 marzo 1923 – 23 marzo 2023), al 90° Anniversario della Crociera Aerea del Decennale nel 1933 e anche al 60° Anniversario del lancio del primo razzo postale italiano “Grillo” nel 1963.


La partecipazione a Fly Future 2023 è aperta a tutti. I Visitatori e le Scuole che intendano far partecipare i propri studenti potranno trovare tutte le informazioni sul sito www.flyfuture.it, compreso il programma completo di Fly Future 2023.



Il Generale di Squadra Aerea (r) Maurizio Lodovisi è direttore del Dipartimento Attività Aeronautiche (DAA), il Generale di Squadra Aerea (a) Giovanni Fantuzzi è direttore del Centro Studi Militari Aeronautici “Giulio Douhet” (CESMA), dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia.





341 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page