top of page

A.A.A. - Aviatori d’Italia, i Soci della Sezione di Brindisi in visita al 61° Stormo di Galatina

a cura del Primo Luogotenente (ca) Michele Candeloro, Socio A.A.A. - Aviatori d’Italia, Presidenza regionale Puglia - Basilicata


Giovedì 14 marzo, nell’ambito del programma generale delle manifestazioni e delle visite per l’anno 2024 autorizzate dallo Stato Maggiore dell’Aeronautica, la Sezione di Brindisi dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d'Italia, ha svolto una visita presso l’aeroporto militare “Fortunato Cesari”, sede del 61° Stormo di Galatina (LE), intitolato alla Medaglia d’Oro al Valor Militare, “Ten. Pil. Carlo Negri”.


Guidati dal Presidente della Sezione Tenente Colonnello (c) Giuseppe Cecchini, gli ospiti sono stati accolti dal Primo Luogotenente Carmelo Gaballo che nel corso del briefing ha illustrato le principali attività del Reparto ed i percorsi addestrativi dell’Aeronautica Militare al fine di assicurare la formazione di piloti militari, italiani e stranieri, a livelli di riconosciuta eccellenza.


Successivamente, il Luogotenente Michele Vergari ha messo in evidenza la complessità della formazione degli allievi piloti che devono acquisire tutte le competenze e le capacità tattiche necessarie per accedere alla IV fase dell’addestramento, propedeutica al successivo impiego sui velivoli fighters, denominata anche Lead In to Fighter Training (LIFT), svolta sul velivolo T-346A dal 212° Gruppo Volo/IFTS presso la base di Decimomannu (CA).


È seguito l’incontro con il Colonnello Pilota Vito Conserva, comandante della base, che durante il suo intervento ha illustrato la storia, la “mission” e l’ampia offerta formativa della Scuola, rimarcando sia l’esperienza accumulata in oltre 75 anni di addestramento al volo, sia l’utilizzo di sistemi altamente tecnologici, tutti di produzione nazionale ed unici al mondo. Al termine, il Col. Conserva ha rivolto un ringraziamento al Presidente ed ai Soci per l’interesse dimostrato visitando un reparto fiore all’occhiello dell’Aeronautica Militare, perché si comprenda il “main concept” della Forza Armata per la Scuola di volo di Galatina.


È seguita la visita alla sala simulatori del velivolo MB-339, alla sala radar e al 961° Gruppo Efficienza Aeromobili (GEA), dove è stato possibile ammirare da vicino e sedere all’interno di un velivolo addestratore MB-339 versione Alfa. Qui un allievo pilota ha illustrato gli strumenti basici presenti nella cabina di pilotaggio. La visita alle nuove strutture e alle moderne apparecchiature, ha suscitato grande commozione e ricordi a chi, nel passato, ha percorso quelle strade e quelle sale, quando la tecnologia era tutt’altro rispetto a quella odierna.


Al termine della visita, il Presidente Cecchini, entusiasta per l’accoglienza riservata ai Soci della Sezione e per la bella giornata trascorsa presso lo Stormo, ha rivolto un vivo ringraziamento al Col. Conserva ed a tutto il personale che si è prodigato per l’ottima riuscita della visita.

 

Il 61° Stormo di Galatina

Il 61° Stormo dell’Aeronautica Militare, dipendente dal Comando Scuole A.M./3^ Regione Aerea, è una realtà addestrativa avanzata, multinazionale, moderna ed efficace, con alle spalle un’esperienza pluridecennale nel settore del “Flight Training” e in possesso di sistemi tecnologici assolutamente all’avanguardia. In particolare, la scuola ha il compito di provvedere all’addestramento al volo su aviogetti: di fase II - Primary Pilot Training, comune a tutti gli allievi piloti militari, finalizzata alla individuazione delle linee su cui voleranno (fighters, pilotaggio remoto, elicotteri, velivoli convenzionali); di fase III – Specialized Pilot Training, rivolta esclusivamente agli allievi piloti selezionati per le linee “Fighter” e “Remotely Piloted Aircraft” che si conclude con il conseguimento del brevetto di pilota militare (aquila turrita); di fase IV - Lead In to Fighter Training - LIFT, che si svolge presso l’IFTS, propedeutica al successivo impiego sui velivoli fighter di ultima generazione.

 



268 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Opmerkingen


bottom of page