top of page

A.A.A. - Aviatori d’Italia Sezione di Collepasso (LE) in gita socio culturale in Calabria

a cura del Primo Luogotenente (ca) Michele Candeloro,

Socio A.A.A. - Aviatori d’Italia, Presidenza regionale Puglia - Basilicata


La Sezione di Collepasso (LE) dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia, intitolata alla Medaglia d’Oro al Valore Militare Maggiore Pilota Marco Rigliaco, ha organizzato una tre giorni di cammino socio culturale, dal 31 ottobre al 2 novembre, nella stupenda cornice dei monumenti naturali della Sila.


L’attività ha coinvolto una folta rappresentanza di Soci, tra i quali il Brig. Gen. (c) Giuseppe Ria, che ha voluto condividere la splendida esperienza.


“La prima tappa del percorso è stata effettuata al Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide. È stata una visita molto apprezzata, dove con l’accompagnamento di una guida esperta vengono visitate le quindici sale attrezzate con splendidi reperti archeologici che vanno dalla preistoria all’epoca dell’Impero Romano.


Il museo ospita al suo interno reperti che risalgono dall'era protostorica della Magna Grecia fino alla civiltà romana relative alle città di Sybaris, Thurii e Copia e ai vari villaggi stanziali presenti nella zona compresi il Brutium e l’Enotria. Il museo archeologico si estende su una superficie di 4.000 metri quadrati distribuiti su tre livelli. Partendo dai reperti più antichi precedenti l’era del bronzo si scende di un piano nell’era intermedia e quindi nel piano sottostante dove vi sono esposti vasi di straordinaria bellezza artistica e monili eccezionali in bronzo e oro di rilevanza internazionale.


In serata, raggiunto l’Aerostello di Montescuro per il soggiorno, si è partiti il giorno successivo per la visita al Museo Naturalistico della Sila. Il Museo, ubicato nei pressi del lago Cecita, ospita reperti naturali di fauna e flora dei boschi del Parco Nazionale della Sila. Molto interessanti sono le peculiarità dei boschi che sono unici nel loro genere e contengono particolari specie di piante non riproducibili in altri contesti naturali. La fauna è anch’essa molto eterogenea e ricca di specie animali.


Il giorno successivo, visita a Paola. Un’altra eccezionale guida turistica ci ha fatto rivivere tutta le vicende di San Francesco, dalla vita eremitica affrontata all’età di solo quindici anni, sino alla sua veneranda età dei 92 anni vissuti in santità.


Gita culturalmente interessante che ha abbracciato diversi settori della nostra storia a partire dalla difficoltà esistenziale dei nostri avi riscontrata del sito archeologico, sino alla spiritualità dell’animo umano evidenziata dalla vita di San Francesco da Paola, passando per la maestosità della natura dei giganti della Sila.”


Grazie al Brigadier Generale (c) Giuseppe Ria, Socio della Sezione A.A.A.- Aviatori di Collepasso.



666 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page