top of page

A.A.A.-Aviatori d’Italia Sezione di Spongano, recupero targhe Caduti Prima e Seconda Guerra Mondiale

a cura del Primo Luogotenente (ca) Michele Candeloro, Socio A.A.A. - Aviatori d’Italia, Presidenza regionale Puglia - Basilicata


La Sezione di Spongano (LE) dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia, intitolata all’“Aviere Scelto Giovanni Donadeo”, ha curato il restauro delle targhe commemorative dedicate ai caduti della Prima e Seconda Guerra Mondiale, recuperate dopo che l'attuale Amministrazione comunale le ha sostituite con delle nuove.


Negli anni le intemperie avevano degradato molto i marmi delle lapidi, tanto da rendere illeggibili i nomi dei Caduti. Durante il restauro, sulle lapidi sono stati incisi i nomi dei cittadini sponganesi che, dispersi durante i due conflitti mondiali, non hanno trovato degna sepoltura in alcun luogo. La Sezione di Spongano ha voluto così ricordare per sempre gli sponganesi sacrificati alla Patria, dedicando loro un monumento, una memoria che costituisca testimonianza perenne per le generazioni a venire.


Lunedì 3 giugno 2024, con una semplice ma significativa cerimonia, presso il cimitero comunale sono state svelate le antiche lapidi restaurate. La Sezione, ha voluto così rendere omaggio ai cittadini di Spongano caduti in guerra per mantenere viva la loro memoria, con l'impegno di tramandare alle giovani generazioni, i sacrifici, le sofferenze e i valori che hanno dovuto affrontare nel corso del conflitto. Si è trattato di una cerimonia molto sentita alla quale oltre ai Soci della Sezione di Spongano ha preso parte il Sindaco Luigi Rizzello, con il Gonfalone della città, il Gruppo dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Diso (LE), la Sezione dell’Associazione Nazionale Finanzieri di Diso (LE), il Gruppo Insigniti Onorificenze Cavalleresche del Basso Salento e il Gruppo Frates Sezione di Secchia Gallone (LE).


La cerimonia ha avuto inizio con l’intervento del Presidente della Sezione Luogotenente Francesco Zacheo, che dopo aver rivolto un saluto a tutti i presenti ha dichiarato: "[…] Il recupero e il restauro di queste antiche lapidi non è solo un dovere nei confronti dei concittadini sponganesi caduti, ma è anche un atto di rispetto e di gratitudine verso di loro e verso le loro famiglie. È necessario preservare e tramandare ai nostri giovani la memoria di coloro che hanno sacrificato la loro vita per tutti noi e per le generazioni future. Queste lapidi devono essere un monito per tutti contro gli orrori della guerra e un richiamo alla pace e rappresentano la nostra storia cittadina, con tutte le sue gioie e le sue tragedie e devono insegnarci che la pace è un bene prezioso da custodire e proteggere con ogni mezzo. Il restauro di queste targhe marmoree, poste all’ingresso del cimitero, consentirà di restituire ai cittadini la possibilità di riconoscere i nomi delle persone che hanno sacrificato la vita combattendo nel corso della Prima e Seconda Guerra Mondiale e permetterà di poter rivolgere loro una preghiera o un semplice sguardo perché ogni nome inciso porta con sé una storia di coraggio, di devozione e di sacrificio". La cerimonia è proseguita con la rimozione del drappo che copriva le lapidi da parte del Sindaco, Luigi Rizzello e del Presidente Luogotenente Francesco Zacheo.


Dopo la benedizione da parte del parroco della Parrocchia San Giorgio Martire, Don Donato Ruggieri, il Sindaco insieme al Presidente della Sezione ha deposto una corona d’alloro ai piedi delle targhe che ricordano i cittadini Sponganesi.


A margine dell’evento il Presidente Zacheo ha rivolto un ringraziato particolare ai Soci Primo Luogotenente in congedo Tommaso Rizzo e Primo Luogotenente in congedo Carmine Scardino per il loro prezioso ed instancabile contributo profuso per la realizzazione dell'evento stesso.



128 visualizzazioni0 commenti

Opmerkingen


bottom of page