top of page

A.A.A.-Aviatori d’Italia Sezione di Vasto a Palazzo della Minerva a Roma per la conferenza su clima

a cura del Team Comunicazione

della Presidenza Nazionale A.A.A. - Aviatori d’Italia


Martedì 13 febbraio nella Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva del Senato, il Segretario della Sezione di Vasto dell'Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia Roberto Bruno, delegato dal Luogotenente (c) Ciro Confessore, Presidente della stessa Sezione nonché Presidente regionale per l’Abruzzo, ha partecipato alla conferenza “Le implicazioni del cambiamento climatico sulle politiche di difesa e sicurezza” organizzata dal Centro Studi Militari Aerospaziali “Giulio Douhet” (CESMA) col patrocinio dell'Aeronautica Militare.


Dopo l'apertura dei lavori da parte del Direttore del CESMA, Gen. S.A. (r) Giovanni Fantuzzi, moderati dal Vicedirettore del Tg2 RAI, Dott.ssa Elisabetta Migliorelli, sono intervenuti il Gen. B. Luca Baione - Capo Ufficio Generale Aviazione Militare e Meteorologia (AVIAMM) dello Stato Maggiore Aeronautica e Rappresentante Permanente d'Italia presso l'Organizzazione Meteorologica Mondiale, l'Ambasciatore Giampiero Massolo - Presidente dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, l'Ambasciatrice Elisabetta Belloni - Direttore Generale del Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza, l'Ambasciatore Francesco Maria Talò - Consigliere del Ministro della Difesa, il Dott. Antonello Pasini - CNR Istituto sull'Inquinamento Atmosferico, il Dott. Matteo Paonni - Commissione Europea Joint Research Centre, il Prof. Alberto Pirni - Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, e il Generale di Squadra Aerea Luca Goretti, Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare.


La tavola rotonda ha affrontato il tema del cambiamento climatico quale moltiplicatore dei rischi con effetti sulle infrastrutture civili e le conseguenti difficoltà di assicurare forniture e servizi, sulla popolazione, sui flussi migratori, i conflitti internazionali per assicurarsi le risorse, gli ecoreati, il bioterrorismo, la sicurezza e la stabilità.


La conferenza ha fatto emergere chiaramente l'urgenza di adottare strumenti innovativi che consentano di salvaguardare il presente e affrontare il futuro con efficacia. Una sfida importante che deve essere necessariamente affrontata in modo multidisciplinare. Effettuare analisi del rischio in modo mirato, accrescere e migliorare la sicurezza energetica, rafforzare le infrastrutture, adattare i processi, sensibilizzare e formare l’opinione pubblica, riconoscere e anticipare gli impatti, accrescere la resilienza dell'intero comparto difesa, pianificare le risorse.


Il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare nel suo intervento, sempre attento alle future generazioni, ha evidenziato l'importanza di puntare sulla ricerca e la sperimentazione, attività che la Forza Armata da sempre svolge, anche nell’ambito dello spazio, ricordando la recente attività del Colonnello Walter Villadei, da pochi giorni rientrato dalla Stazione Spaziale Internazionale dove sono stati svolti importanti esperimenti, e le attività del Comando Operazioni Aerospaziali di Poggio Renatico sul monitoraggio dell’attività del Sole.


Nel chiudere i lavori, il Direttore del Centro Studi Militari Aerospaziali ha rilevato quanto siano decisivi lo studio, la ricerca e la cultura per raggiungere e mantenere una costante consapevolezza della situazione e dei rischi connessi, per essere pronti a prevenirli o gestirli al meglio con azioni coordinate.


La Sezione di Vasto, d'intesa con i responsabili dell’Amministrazione Comunale, ha manifestato la volontà di condividere i contenuti di questa importante conferenza con il Centro Operativo Comunale (C.O.C.) di Vasto che si occupa della gestione delle emergenze. Ciò, anche in occasione dell'attuale iter di aggiornamento del relativo piano delle emergenze, in un'ottica di approfondimento e integrazione delle attività di tutti i suoi funzionari e addetti ai lavori, con prospettiva nazionale e globale. Il C.O.C. di Vasto, nel suo contesto territoriale, ha difatti maturato esperienze in differenti tipologie di interventi, gestendo emergenze innescate da fenomeni meteorologici, quali anomale e intense piogge, nevicate, grandinate e raffiche di vento, siccità, crisi idriche e idropotabili, agli ambiti connessi al monitoraggio degli effetti dei terremoti, blackout elettrici, grandi eventi di massa, pandemia, assistenza a popolazione locale e da esodo da territori in guerra.


Al termine dell'evento il Luogotenente (c) Ciro Confessore, Presidente della Sezione di Vasto, ha voluto far giungere al Presidente Nazionale e al Direttore del CESMA il sentito ringraziamento per la fiducia e la disponibilità nei riguardi delle realtà territoriali dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia, attraverso la costante sinergia e il lavoro di squadra tra i vari livelli organizzativi.

 

Ringraziamo il Segretario della Sezione di Vasto, Roberto Bruno, per il contributo fornito al Team Comunicazione della Presidenza Nazionale A.A.A. - Aviatori d’Italia.

 


63 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page