top of page

Avvicendamento alla Direzione del CESMA tra il Gen. Finocchio e il nuovo Direttore Gen. Fantuzzi

Oggi 10 ottobre 2022, presso Palazzo Aeronautica, si è svolto l’avvicendamento alla guida del Centro Studi Militari Aeronautici (CESMA) dell’Associazione Arma Aeronautica – Aviatori d’Italia, tra il Direttore uscente Gen. Isp. Capo (c) Pietro Finocchio ed il Direttore subentrante Gen. S.A. (a) Giovanni Fantuzzi. La cerimonia si è conclusa dinanzi alla Bandiera di Guerra dell’Aeronautica Militare alla presenza del Capo di SMA Generale di Squadra Aerea Luca Goretti e dei vertici dell’A.A.A. – Aviatori d’Italia, tra cui il Presidente Nazionale Gen. S.A. (c) Giulio Mainini, il Gen. S.A. (r) Maurizio Lodovisi Direttore del Dipartimento per le Attività Aeronautiche (DAA) ed il Segretario Generale Gen. Div. (c) Rinaldo Sestili.


Al termine della cerimonia è stato rivolto un caloroso ringraziamento al Generale Ispettore Capo (c) Pietro Finocchio per l’attività svolta fino ad oggi, mentre sono stati formulati i migliori auguri di buon lavoro al Generale di Squadra Aerea (a) Giovanni Fantuzzi per l’importante e impegnativo incarico assunto.


Il Generale Ispettore Capo (c) Pietro Finocchio, nato a Napoli il 31 marzo 1945 e cadetto del Corso Borea III dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, è stato direttore del CESMA dal 2017.


Il nuovo Direttore del Centro Studi Militari Aeronautici è il Generale di Squadra Aerea (a) Giovanni Fantuzzi, nato a Torino l’11 agosto 1958, arruolato in Accademia Aeronautica nel 1977, Capo Corso del Turbine III, laurea “cum laude” in Scienze Aeronautiche, insignito della prestigiosa “Sciabola d’Onore” e nel 1981 anche del “Top Gun Award” negli USA, ha volato gli F-104S “Starfighter” del 21° Gruppo Caccia a Cameri. Diviene Pilota Collaudatore e Sperimentatore presso la Test Pilot School di Edwards CA quale “Distinguished Graduate”. Nel 2002 ha comandato il Reparto Sperimentale Volo, ove seguì, tra gli altri programmi, la certificazione operativa del C-130J, nel 2004 è stato assegnato al Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti del Ministero della Difesa, come Capo Ufficio dei Programmi Aeronautici, nonché Direttore del Programma Joint Strike Fighter (JSF) per l’Italia. Responsabile nel 2006 del Segretariato per l'implementazione del nuovo Modello di Difesa, dal 2007 al 2009 Capo di Stato Maggiore del Comando Logistico dell’Aeronautica Militare, è divenuto in seguito Capo del 3° Reparto dello Stato Maggiore Aeronautica “Pianificazione dello Strumento Aerospaziale” dove è stato coinvolto nelle operazioni internazionali ISAF, Odyssey Dawn e Unified Protector. Dal 2012 al 2015 ha ricoperto l'incarico di Addetto per la Difesa e per la Cooperazione Difesa presso l’Ambasciata d’Italia a Washington D.C., Canada e Messico. Nel 2015-2016 è stato Comandante del Comando Operazioni Aeree, responsabile della Difesa Aerea Nazionale e del Comando di Componente Aerea NATO e nazionale. Vice Comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze (C.O.I.) con responsabilità diretta delle missioni europee. Dal 2017 al 2021 è stato il Comandante Logistico dell’Aeronautica Militare e Presidente della Casa dell’Aviatore.


Il Centro Studi Militari Aeronautici “Giulio Douhet” (CESMA) è posto alle dirette dipendenze del Presidente Nazionale dell'Associazione Arma Aeronautica – Aviatori d’Italia. Ubicato presso il “Villino Douhet” sito in Roma, Via Marcantonio Colonna 23, sede Nazionale dell’Associazione, persegue l'obiettivo di effettuare ricerche e studi sulle tematiche aeronautiche e spaziali, con particolare riferimento alle problematiche di carattere militare o duale, nei loro molteplici aspetti dottrinari, operativi, tecnici e politici, in ambito nazionale e internazionale. Si avvale dell'opera e del contributo di pensiero dei Soci della Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia, del personale dell'Aeronautica Militare, di esperti del mondo accademico e dell'industria di settore e di studiosi esterni di discipline aeronautiche e spaziali, militari e duali, sia italiani che stranieri, costituisce la Think Tank dell’Associazione Arma Aeronautica.


Mantiene rapporti di collaborazione con Istituzioni e Centri di Studi e Ricerche in Italia e all'estero, e con gli organi di stampa specializzati nel settore. Tra i suoi obiettivi, quello di contribuire alla diffusione della cultura aeronautica e dello spazio in ambito nazionale ed internazionale, di sviluppare il pensiero militare aeronautico in relazione al continuo progresso tecnologico del mezzo aereo, di collaborare con l’A.M. all’aggiornamento del suo personale sulle principali linee di tendenza in tale settore. A tali scopi, il CESMA realizza e rende disponibile un ambiente comune nel quale scambiare idee, dibattere liberamente e studiare indirizzi e tendenze del mondo aeronautico e spaziale, con l’obiettivo di facilitare le sinergie tra tutti gli Stakeholder interessati.


Partecipa attivamente ai dibattiti nazionali e internazionali stimolati anche dalla Forza Armata, da altri Enti istituzionali o Agenzie interessate all'Aeronautica e Spazio, dall'Università o dall'industria nazionale. Mediante canali informatici, audiovisivi, pubblicazioni cartacee, dibattiti, seminari, convegni, incontri di studio ed altre attività culturali, di ricerca e divulgazione, promuove la diffusione di informazioni sui temi aeronautici e aerospaziali, aiutando a far nascere all’interno della società civile una rinnovata sensibilità nei confronti di queste tematiche e creando sinergie tra il mondo militare, quello della cultura, quello politico e quello industriale, mantenendo stretti i contatti tra l’A.A.A. – Aviatori d’Italia e la realtà aeronautica nel suo continuo divenire.




1.961 visualizzazioni0 commenti

Commentaires


bottom of page