top of page

Centro Studi Militari Aerospaziali (CESMA), il 13 febbraio la Conferenza sul Cambiamento Climatico

a cura del Team Comunicazione

della Presidenza Nazionale A.A.A. - Aviatori d’Italia

 

Politiche di Difesa e Sicurezza

“Non vi sono attività umane o regioni della Terra che vengono risparmiate dagli effetti del cambiamento climatico che si manifesta con fenomeni meteorologici di intensità senza precedenti e con frequenza sempre maggiore”


Martedì 13 febbraio 2024 alle ore 15:30, nella Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva, Piazza della Minerva, 38 - Roma, su iniziativa del Senatore Maurizio Gasparri, sarà tenuta una importante Conferenza con Tavola Rotonda sul tema di grande rilevanza e complessità globale “Le implicazioni del Cambiamento Climatico sulle Politiche di Difesa e Sicurezza”.


La Conferenza è organizzata dal Centro Studi Militari Aerospaziali "Giulio Douhet" (CESMA) dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia con il patrocinio dell’Aeronautica Militare. Insieme al Presidente Nazionale dell’Associazione, Generale di Squadra Aerea (c) Giulio Mainini, parteciperà il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti.


Con la sapiente regia della moderatrice, Dott.ssa Elisabetta Migliorelli, RAI - Vicedirettore del TG2, saranno focalizzati gli aspetti essenziali della complessa tematica attraverso l’approfondimento delle diverse visuali che riguardano le Istituzioni nazionali e internazionali, evidenziando anche il ruolo fondamentale che l’Aeronautica Militare svolge a favore della collettività e delle Istituzioni nello studio del cambiamento climatico.


I lavori saranno presentati dal Direttore del Centro Studi Militari Aerospaziali, Generale di Squadra Aerea (r) Giovanni Fantuzzi, con l’introduzione del Gen. B. Luca Baione, Rappresentante permanente d'Italia presso l'Organizzazione Meteorologica Mondiale, nonché Capo dell’Ufficio per l’Aviazione Militare e la Meteorologia dell’Aeronautica Militare. Seguiranno gli interventi di illustri ospiti nella Tavola Rotonda e le relazioni di personalità del mondo della ricerca, accademico e istituzionale. L’intervento di chiusura sarà tenuto dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Gen. S.A. Luca Goretti.


La considerevole attualità del tema e il programma della Conferenza ben articolato con interventi di elevato profilo, hanno già attratto moltissime realtà del settore e interessato un folto pubblico facendo esaurire, in brevissimo tempo, tutti i posti disponibili nella Sala Capitolare.


I lavori sanno trasmessi in diretta streaming al link https://webtv.senato.it e sul canale YouTube del Senato Italiano https://www.youtube.com/user/SenatoItaliano

  

Abstract della Conferenza

“Le implicazioni del Cambiamento Climatico sulle Politiche di Difesa e Sicurezza”


La gravità degli effetti del cambiamento climatico è ormai conclamata: la collettività internazionale si è mobilitata nei diversi consessi regionali e globali per adottare provvedimenti per contrastare le conseguenze dell’innalzamento della temperatura media della Terra. Non vi sono attività umane o regioni della Terra che vengono risparmiate dagli effetti del cambiamento climatico che si manifesta con fenomeni meteorologici di intensità senza precedenti e con frequenza sempre maggiore. Queste dinamiche incidono maggiormente nei Paesi in via di sviluppo che patiscono in misura più grave degli eventi estremi. A destare la preoccupazione delle Istituzioni internazionali sono anche gli effetti del cambiamento climatico sulle dinamiche antropiche, sociali ed economiche originate dai Paesi con minori possibilità di adattamento e mitigazione, dove gli effetti del cambiamento climatico risultano esiziali per le popolazioni indigene, con conseguenze gravissime e possibili catastrofi umanitarie. D’altro canto, gli apparati preposti alla difesa e sicurezza a livello europeo, transatlantico e nazionale hanno da tempo rivolto la loro attenzione sull’alterazione degli equilibri strategici e sul degradamento delle capacità operative delle strutture militari e di sicurezza. Sotto un profilo di difesa e sicurezza, il cambiamento climatico provoca quindi un doppio effetto negativo: da un lato, in alcune regioni della Terra particolarmente vulnerabili le condizioni di vita sono talmente compromesse da alimentare insurrezioni popolari e conflitti armati, dall’altro gli strumenti militari che dovrebbero concorrere a gestire quelle crisi ed al ripristino di condizioni di sicurezza rischiano di vedere, a loro volta, la propria capacità operativa gradualmente compromessa proprio per opera del cambiamento climatico. L’evento intende mettere a fuoco questi elementi, valutandone gli aspetti essenziali dalle diverse prospettive delle Istituzioni nazionali e internazionali e mettendo anche in evidenza il ruolo che l’Aeronautica Militare svolge a favore della collettività e delle Istituzioni nazionali e internazionali nello studio del cambiamento climatico.

 

Il Centro Studi Militari Aeronautici (CESMA) è ubicato presso il “Villino Douhet” sito in Roma, Via Marcantonio Colonna, 23, sede Nazionale dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia. Il CESMA persegue l'obiettivo di effettuare ricerche e studi sulle tematiche aeronautiche e spaziali, di carattere militare o duale, nei loro aspetti dottrinari, operativi, tecnici e politici, in ambito nazionale e internazionale.



166 visualizzazioni0 commenti
bottom of page