top of page

AAA-Aviatori d’Italia di Puglia e Basilicata ricorda Antonio Caravaggio valoroso pilota brindisino

a cura del Primo Luogotenente (ca) Michele Candeloro, Socio A.A.A. - Aviatori d’Italia, Presidenza regionale Puglia - Basilicata


Mercoledì 24 maggio 2024, in occasione della “Giornata del Decorato”, - che si celebra il 24 maggio in memoria dell'attraversamento delle Truppe Italiane del Piave, onde completare con l'ingresso nel Primo Conflitto Mondiale il processo di riunificazione nazionale lasciato incompleto dal Risorgimento -, con una semplice ma sentita cerimonia è stato commemorato a Brindisi, sua città natale, la Medaglia d’Argento al Valore Militare (MAVM) e 2 Medaglie di Bronzo al Valore Militare (MBVM), il Sottotenente Pilota, della Regia Aeronautica, Antonio Caravaggio, caduto in combattimento a soli 24 anni, l’8 novembre del 1942 sul fronte libico-egiziano durante la Seconda Guerra Mondiale.


L’evento, che si è svolto presso il Gruppo Supporto Brindisi - già sede del 32° Stormo dal 1° settembre 1967 al 30 giugno 1993 - voluto dalla Sezione dell’Istituto del Nastro Azzurro di Brindisi, che raggruppa militari e familiari dei decorati al Valor militare e dall’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia, ha visto la fattiva collaborazione della Presidenza Regionale dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia di Puglia e Basilicata.


La concessione dell’importante location da parte del Quartier Generale del Comando Scuole A.M./3^ Ragione Aerea di Bari, rappresenta un ulteriore segnale della considerazione, dell’interesse e della fiducia che la Forza Armata nutre nei confronti dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia, a testimonianza dei vincoli che legano queste due realtà nell'affermare i valori e le tradizioni dell'Arma Azzurra, anche alla luce del protocollo d’intesa firmato lo scorso 18 aprile presso Palazzo Aeronautica a Roma, dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti e dal Presidente Nazionale pro-tempore dell’A.A.A. - Aviatori d’Italia, Generale di Squadra Aerea (c) Giulio Mainini.


La commemorazione ha visto la presenza di autorità militari e civili della città Capoluogo, tra cui il Tenente Colonnello Pilota Michele Minonne, comandante del Gruppo Supporto Brindisi, delle Sezioni dell’Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d’Italia di Brindisi, Oria, Ostuni, San Vito dei Normanni, della Sezione della Federazione Provinciale dell’Istituto del Nastro Azzurro di Brindisi e del Gruppo di San Vito dei Normanni, della Sezione dell’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia di Brindisi e del Gruppo dell’Associazione Nazionale Carabinieri di San Vito dei Normanni.


Il Presidente della Sezione dell’Istituto del Nastro Azzurro Tenente CC (ca) Giovanni Convertini ha aperto la cerimonia portando i saluti ad autorità e partecipanti, rammentando come sia importante e doveroso mantenere vivo il ricordo di chi ha sacrificato la propria vita a tutela dei valori fondanti della Nazione, sottolineando l’importanza di tramandare con costanza alle nuove generazioni i valori che hanno consentito a figure eroiche come il S. Ten. Antonio Caravaggio di raggiungere la libertà e di vivere il presente nella democrazia. Ha poi manifestato la gratitudine nei confronti dell’Aeronautica Militare per avere reso possibile che la cerimonia si svolgesse presso la cappella aeroportuale, menzionando le parole pronunciate dal Generale di C.A. dei Carabinieri Rosario Aiosa in occasione del centenario della fondazione del Gruppo Medaglie d’Oro al Valor Militare “…non una semplice ricorrenza formale ma un’occasione per riflettere su quanto siano proprio anniversari e simboli a permetterci di onorare la memoria, di aderire ad un sentimento collettivo, di rendere salde le comunità che compongono la nostra società”.

È grazie ad iniziative come questa – ha concluso il Presidente - che continueremo a ricordare il passato per non perdere il nostro futuro”.


Successivamente, il Prof. Giuliano Cappelli Socio della Sezione di Brindisi dell’A.A.A.- Aviatori d’Italia, ha dato lettura della lettera di ringraziamento fatta giungere dal figlio del decorato, che non ha potuto essere presente alla cerimonia.


La commemorazione è seguita con una conferenza tenuta dallo storico delle Istituzioni militari Prof. Vincenzo Cuomo che, con un appassionato e commosso ricordo, ha illustrato la figura e la storia del giovane Pilota, evidenziando le doti militari, la passione, lo spirito di sacrificio e l’altruismo anche a scapito della propria stessa vita. Ha inoltre sottolineato la solennità dell’evento e l’importanza di tenere sempre viva la memoria storica dei “Caduti” nell’assolvimento del servizio a difesa della Patria, auspicando che la memoria dell’aviatore brindisino possa servire da stimolo ed esempio alle nuove generazioni, perché i valori che lo hanno ispirato nella sua vita sono ancora oggi quanto mai importanti ed attuali.


A seguire presso la chiesa aeroportuale è stata celebrata la Santa Messa, nel corso della quale Don Giovanni Prete, collaboratore del Cappellano Militare, con grande partecipazione ha rivolto un pensiero al S. Ten. Caravaggio e agli aviatori caduti nell'adempimento del proprio dovere.


Suggestivo il momento della lettura della “Preghiera dell’Aviatore” e della “Preghiera del Decorato” al termine della Santa Messa, da parte del Tenente Colonnello Minonne e del Sottotenente di Vascello Vittorio Cagnetta, Segretario della locale Sezione dell’Istituto del Nastro Azzurro.


Nella stessa cornice istituzionale, il Tenente Giovanni Convertini, in rappresentanza delle tre Associazioni, in segno di riconoscimento, ha donato una targa ricordo al Prof. Cuomo.


Al termine della celebrazione, gli organizzatori hanno rivolto un ringraziamento alle autorità e tutti coloro che hanno contribuito all’organizzazione di questa importante commemorazione, in particolare al comandante del Quartier Generale del Comando Scuole A.M./3^ Regione Aerea, Col. Pil. Salvatore Lombardi per aver autorizzato lo svolgimento dell’evento, al comandante del Gruppo Supporto Brindisi T. Col. Pil. Michele Minonne e al personale della Base per il prezioso supporto e la collaborazione fornita in questa importante occasione.


Commemorare figure come quella del S. Ten. Caravaggio è doveroso ed importante per mantenere vivo il ricordo del suo estremo sacrificio che lo ha accumunato al destino di milioni di militari e civili durante il 2° conflitto Mondiale”, ha dichiarato il Col. (ca) Michele Bettuelli, Presidente Regionale dell’A.A.A. – Aviatori d’Italia, Puglia e Basilicata, - raggiunto telefonicamente - “…è importante ricordare le vicende, i fatti eroici e le tragedie del secondo conflitto, soprattutto tra le giovani generazioni”.



230 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page