top of page

Studenti del Mattioli e del Mattei di Vasto a Palazzo Aeronautica a Roma per la conferenza del CESMA

a cura del Team Comunicazione della Presidenza Nazionale

A.A.A. - Aviatori d’Italia

 

"Sicurezza degli Assetti Spaziali - La Visione Nazionale”


Tanto orgoglio per le bellissime parole di elogio che il Direttore del Centro Studi Militari Aerospaziali (CESMA) Gen. S.A. (a) Giovanni Fantuzzi ha rivolto alle scuole di Vasto per lo straordinario impegno dei loro studenti nel seguire le attività formative e di aggiornamento culturale del Centro Studi. Parole espresse in apertura della Conferenza “Sicurezza degli assetti spaziali. La visione nazionale”, organizzata dal CESMA nell'Auditorium “Adriano Visconti” di Palazzo Aeronautica a Roma l'08 maggio 2024, a cui hanno partecipato alcuni studenti del Polo Liceale Mattioli e dell'IIS Mattei di Vasto.


Alla conferenza sono intervenuti il Comitato Interministeriale per le politiche relative allo spazio e la ricerca aerospaziale, l'Ufficio Generale Spazio dello Stato Maggiore Difesa, il Comando Operazioni Aerospaziali dell'Aeronautica Militare, il 4° Reparto del Segretariato Generale della Difesa / Direttore Nazionale Armamenti, l'Agenzia Spaziale Italiana, le industrie Thales Alenia Space, Telespazio, Leonardo, ELT Group e un rappresentante della Rivista Italiana di Geopolitica, Limes. Intervenuto anche il Cosmonauta e Astronauta Col. Walter Villadei dell’Aeronautica Militare, in collegamento video da remoto.


Le conclusioni della Conferenza sono state tracciate dal Sottocapo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Gen. S.A. Aurelio Colagrande, intervenuto in rappresentanza del Capo di Stato Maggiore dell’A.M., Generale di Squadra Aerea Luca Goretti.


Sono stati trattati argomenti di politica e strategia spaziale nazionale, counter space capability, infrastrutture satellitari, space safety e space security nazionali e internazionali, multidominio, regolamentazioni, anelli deboli nei sistemi, new space economy, space stakeholders, tipologie minacce da e per lo spazio (deception, Satcom jamming, laser binding, ground site attack, laser damage, kinetic attack, GPS jamming/spoofing, SAR jamming, space weather, cyber attack, co-orbital threats, nuclear detonation in space), protezione e difesa degli assetti, incremento resilienza, collaborazione governativa/militare/civile nazionale e internazionale, formazione del personale.


Le due delegazioni di studenti erano composte: per il Mattioli, da Francesco Pratesi, Luca Saraceni e Martina Tana della classe IV B, accompagnati dal Prof. Lorenzo Di Legge e, per il Mattei, da Andrea Berarducci, Davide D'Aloisio e Paolo Scurti della classe 3A Log, accompagnati dal Prof. Giuseppe Travaglini.


L'iniziativa di partecipare alla conferenza, coinvolgendo le scuole, è stata promossa ed organizzata dalla Sezione di Vasto dell'Associazione Arma Aeronautica - Aviatori d'Italia, con il coordinamento del Segretario della stessa Sezione Roberto Bruno.


Il Presidente della Sezione di Vasto, Luogotenente (c) Ciro Confessore, ha voluto far giungere al CESMA e all'Aeronautica Militare i saluti e le più vive congratulazioni per l’elevato profilo della conferenza e per la splendida accoglienza riservata. Ai dirigenti scolastici, Maria Grazia Angelini del Mattioli e Gaetano Fuiano del Mattei, invece, ha espresso il compiacimento per aver accolto l’invito a far partecipare gli studenti all'iniziativa. Ha infine rivolto agli studenti il vivo apprezzamento per l'intraprendenza dimostrata nell'affrontare tematiche di elevata complessità.


A conclusione della Conferenza, il Segretario della Sezione di Vasto, ha voluto esprimere un ringraziamento particolare al Vicedirettore del CESMA, Brig. Gen. (r) Roberto Chivilò, che al termine dei lavori ha parlato direttamente agli studenti, rivolgendo loro un messaggio propositivo: “Il settore dell'aerospazio costituisce un'importante opportunità di sviluppo professionale per i giovani. La crescita delle attività, messa più volte in evidenza durante la conferenza, richiederà non solo ingegneri e tecnici aerospaziali, meccanici, elettronici, ma anche informatici, matematici, fisici, chimici, logistici. Professioni e competenze che sono necessarie sin da ora e lo saranno ancor di più in futuro, offrendo uno sbocco occupazionale per i giovani che vogliono cimentarsi con un ambito lavorativo tecnologicamente avanzato e in continua evoluzione”.


Al termine dell’evento, gli studenti hanno avuto l’opportunità di visitare il solenne ingresso di Palazzo Aeronautica, custode del monumento ai Caduti, denominato dei “Tre Archi” per il colonnato centrale che adorna la facciata.

 

Ringraziamo la Sezione di Vasto per aver condiviso la notizia con il Team Comunicazione della Presidenza Nazionale A.A.A. - Aviatori d’Italia



77 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page